Iniziative

TRAINING AUTOGENO DI BASE DI SCHULTZ

Il training autogeno nasce come tecnica psicoterapeutica ideata dal Dottor Schultz, medico e psicoterapeuta, vissuto nel 1884 e morto nel 1970. I sei esercizi del training autogeno di base inducono a concentrarsi sulle parti del proprio corpo tramite una concentrazione attiva (non si deve volere qualcosa ma semplicemente lasciare che qualcosa accada).

Il T.A. risulta particolarmente indicato per i seguenti disturbi: Disturbi d’Ansia, Disturbi di Somatizzazione, Dipendenze, Insonnia e Stress. Non ci sono limiti di età, anche le persone in età avanzata possono parteciparvi: di solito le persone anziane sono spinte a partecipare al training autogeno a causa dei disturbi del sonno. L’età minima comunque è di 15 anni.

Per iniziare occorre 1 tappetino da palestra, 1 cuscino ed eventualmente 1 coperta se la persona la desidera). Il corso è suddiviso in 8 incontri di cui 1 gratuito.

Per Info > Dott.ssa Francesca Ammogli

PROGETTO SCUOLA “ABC SENTIRE PER CRESCERE”

Il progetto “prevede la realizzazione di uno spazio d’ascolto e di confronto, libero da giudizi di valore rivolto agli studenti, ai docenti della scuola e ai genitori degli studenti”. La presenza di uno sportello di ascolto psicologico all’interno della scuola, è una opportunità per permettere, a chi ne sente il bisogno, di affrontare quelle dimensioni problematiche che si riferiscono sia all’insuccesso scolastico che alle difficoltà tipicamente connesse al periodo della crescita e dell’adolescenza.  La finalità è quella di instaurare una relazione di aiuto e di consulenza in grado di rispondere a esigenze diverse, così da promuovere e sostenere idonee strategie di intervento e di cambiamento.

Cos’è il Servizio Psicologico
Il servizio psicologico, attraverso lo sportello di ascolto, si pone come momento progettuale in risposta alle difficoltà adolescenziali, relazionali ed emozionali che spesso incidono sull’apprendimento e ostacolano il benessere scolastico. È un punto di ascolto, pensato con le caratteristiche di intervento integrato rivolto agli adolescenti e agli insegnanti della scuola per agire sulla qualità della relazione didattica, con la presenza di specialisti, si pone dunque come contributo importante per promuovere il benessere scolastico, come supporto motivazionale al progetto educativo. Non è proposto come aiuto terapeutico o diagnostico, bensì come un rapporto con un adulto competente che può “dare una mano” a superare alcune difficoltà insite nella crescita.  I colloqui sono tutelati dalla massima riservatezza.

Destinatari: Studenti, Docenti e Genitori

SPORTELLO D’ASCOLTO

Lo Sportello d’Ascolto è uno spazio all’ interno della scuola aperto sia ai genitori che agli insegnanti, dove possono incontrare uno Psicologo che deve essere iscritto all’Albo A degli Psicologi. Tutti gli adulti che sostengono e condividono il percorso di crescita dei bambini trovano in questo spazio la possibilità di un confronto e di una condivisione consapevole di quanto accade durante questo complesso percorso di crescita. Questo spazio d’ascolto viene principalmente realizzato tramite il metodo del colloquio psicologico. L’obiettivo è quello di accogliere il richiedente, senza alcuna forma di pregiudizio, per accompagnarlo nella ricerca della propria personale risposta alla risoluzione del problema e nella comprensione del proprio vissuto.  Lo scopo dello Sportello d’Ascolto è quello di offrire uno spazio d’accoglienza alle singole persone più che al ruolo che esse rivestono all’interno della famiglia o nella scuola.

Questo spazio è tutelato dal segreto professionale. Possono fare eccezione i casi in cui lo Psicologo dovesse riscontrare condizioni di pericolo o di minaccia alla salute e/o all’incolumità psicofisica della persona, in particolare del minore, per cui si sentirà in dovere di fare una segnalazione agli organi competenti e alla famiglia.

Quali sono gli obiettivi dello Sportello d’Ascolto:
1. Favorire processi riflessivi e di confronto
2. Offrire un ascolto empatico e qualificato
3. Facilitare l’istaurarsi di una relazione d’aiuto
4. Proporre la promozione della salute, la prevenzione del disagio e il benessere psicofisico

LO PSICOLOGO ENTRA IN FARMACIA

Un nuovo servizio a sostegno dei cittadini: Lo “Psicologo in Farmacia” è un servizio di consultazione gratuita, di facile fruizione, rivolto a tutti i cittadini, che si svolge interamente all’interno della farmacia che offre i propri locali e la professionalità del farmacista per intercettare la richiesta di aiuto, mettendo successivamente a disposizione dei cittadini il sostegno del professionista psicologo.

L’iniziativa, sperimentata positivamente in altre realtà nazionali, si presenta come un’opportunità per tutti i cittadini di poter accedere ad un servizio che accoglie i bisogni di quelle persone portatrici di un disagio psicologico e promuovere il benessere individuale e collettivo. Il tipo di intervento offerto agli utenti del servizio è una “consultazione breve” che ha come obiettivo quello di accogliere una situazione di disagio e di sofferenza psicologica, aiutando la persona là dove è possibile ad attivare le proprie risorse oppure individuando se necessario, le strutture presenti sul territorio che possano offrire una presa in carico adeguata. Questo servizio si propone quindi di offrire interventi di prevenzione, analisi della domanda, prima consulenza e orientamento.

Destinatari
Tutti i cittadini che si rivolgeranno alle farmacie aderenti al progetto.